Ansia e Attacchi di panico: Differenze e Terapia

Ansia ed adolescenza. Cosa può fare un Genitore?
Gennaio 24, 2019
Periodi difficili
Novembre 11, 2019

Ansia e Attacchi di panico: Differenze e Terapia

Lucia Lombardo Psicologo Psicoterapeuta Caserta - Bulimia rischi salute

Gli attacchi di panico differiscono da momenti di ansia persistente sia per la durata che per l’intensità della sintomatologia con cui si manifestano. La terapia dell’ansia e degli attacchi di panico deve essere personalizzata.

Cos’è l’attacco di Panico

L’attacco di panico si caratterizza per la comparsa improvvisa di una forte paura che può raggiungere in pochissimi secondi livelli altissimi durante i quali si verificano una serie di sintomi fisici e cognitivi: palpitazioni o tachicardia, sudorazione eccessiva, tremori o scosse, dispnea o sensazione di soffocamento, dolore o fastidio al petto, nausea o dolori addominali, sensazioni di respiro corto, difficoltà a respirare o disturbare, sensazione di vertigine o svenimento, brividi o vampate di calore, sensazioni di torpore o formicolio, sentimenti di irrealtà (derealizzazione) o di distaccarsi da sé (depersonalizzazione), paura di perdere il controllo o di impazzire e paura di morire. Durante un attacco di panico questi sintomi sono improvvisi ed estremamente intensi, si presentano entro dieci minuti e poi la loro intensità di abbassa. E’ possibile avvertire sensazioni di  spossatezza e strascico molte ore dopo“

Cos’è l’attacco di ansia

L’attacco di ansia” non è un termine clinico, ma è usato nel linguaggio comune per descrivere una sensazione di ansia intensa e persistente  in cui ci si preoccupa per un evento imminente o si sperimentano sentimenti di terrore o di paura. L’ansia è altamente correlata a una preoccupazione eccessiva di qualche potenziale “pericolo” o minaccia futura e i sintomi possono essere simili a quelli dell’attacco di panico, anche se d’intensità inferiore.

Perché rivolgersi ad uno Psicologo / Psicoterapeuta?

La durata e l’intensità dei sintomi sono i due fattori che differenziano l’attacco di panico dall’ansia persistente. A differenza del panico, i cui sintomi sono immediati, quelli dell’ansia possono essere persistenti e durare giorni, settimane o addirittura mesi.

Sia che si tratti di crisi attacchi di panico o di ansia persistente è opportuno seguire un iter psicologico accompagnato da un iter diagnostico che contempli anche uno screening  medico che escluda la componente organica della sintomatologia.

Una volta esclusa la componente organica, il trattamento da seguire per la cura dell’ansia e degli attacchi di panico è la psicoterapia. In alcune circostanze sarà necessario affiancare alla psicoterapia un supporto farmacologico.

L’esperienza è importante!


Consiglio a chi legge di rivolgersi solo a Professionisti esperti e specializzati nella gestione, la diagnosi e la cura di questi disturbi: un percorso ben impostato può permettere di migliorare la qualità della vita e portare alla remissione dei sintomi. Come Psicologa e Psicoterapeuta è ormai da oltre 10 anni mi occupo di disturbi legati all’ansia e agli attacchi di panico.


Con il giusto professionista è possibile affrontare queste problematiche, compila questo form per contattarmi e richiedere un appuntamento.

Nome (richiesto)

Cognome (richiesto)

Telefono (richiesto)

Email (richiesto)

Città (richiesto)

Motivo della richiesta (richiesto)

Informativa sulla privacy (richiesto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Apri chat
Posso aiutarti?
Ciao, posso aiutarti? Sentiti libero/a di chiedermi informazioni senza alcun impegno.
Powered by